Inventario Etcetera

Inventario Etc

Avendo deciso di mettere ordine alla sua vita, il primo passo è stato la catalogazione del caos generato nella sconsiderata ricerca di ciò che si sconosce. L’artefice di questo prodigioso disordine, nel tuffarsi in questa barriera corallina sedimentata in più di vent’anni filati, ha intrapreso la colossale scommessa di censire ogni singolo oggetto, raccontando l’aneddoto che l’ha portato a spiaggiarsi in questa Wunderkammer contemporanea. Un brefotrofio oggettivo, una collezione di Objets trouvés, in questo mondo perdu. Vivere disordinato è una cosa, morirne è ben diverso, conviene evitarlo. Fare ordine è un po’ come tagliarsi i capelli, all’inizio ti senti un cretino, ma tanto poi ricrescono.

INVENTARIO MONUMENTALE ETCETERA
n. 1 comignolo in zinco
n. 15 formelle di frutta martorana
n. 1 proiettore manuale di diapositive Camerafix
n. 1 clarinetto Buffet Paris
n. 1 sella bicicletta in cuoio Lamplugh Paris
n. 48 lampadine piccole da 25 e 60 w fulminate
n. 1 tasto argentato powerbook lettera m oppure w
n. 8 cate siciliane da mazzi diversi, trovate per terra
n. 1 palla di vetro con la neve con un pupazzo di neve che prende a calci il suo cuore, unica nota di rosso.
n. 1 tubo di plastica musicale di color fucsia
n. 1 tromba per bambini azzurra e verde, sempre in plastica
n. 1 spilletta umorale (fulmini)
·n. 1 tastiera muta di pianoforte
n. 1 gessetto per stecche da biliardo
n. 1 futon
n. x vecchie cerniere di portoni + saliscendi
n. 1 basso elettrico
n. 4 altalene artigianali
n. 1 lampada da elettrauto
n. 200 stampi in legno per stoffa decori vari
n. 2 altre  spade di pesce spada (una segnata 89 kg.)
n. 1 cavatappi d’albergo
n. 1 bilancia antica
n. 1 cassapanca siciliana
n. 1 mappamondo morbido di stoffa
n. 1 flacone d’inchiostro da 1 lt. Rotring
n. 3 pianoforti giocattolo
n. 1 nervo d’epoca, il frustino da cavallo
n. 1 macchina fotografica antica in legno funzionante
n. 1 limone verdello particolarmente intenso
n. 1 confezione da 12 di ceralacca Pelikan
n. 1 regalo di Claire
n. 1 cestino di mandorle di almeno 4 anni fa
n. 1 vecchio timbro con la scritta VERDELLI
n. 2 mazzi di origano completamente scoloriti, intatti
n. 3 birilli di legno da palestra scolastica
n. 1 carriola in legno per sacchi di frumento etc., verde
n. 1 damigiana tonda in vetro cm.50 h.70+corda di canapa
n. 19 melograni dimenticati e disidratati
n. 9 limoni dimenticati e disidratati
n. 1 mandarino dimenticato e disidratato
n. 3 coppi di saia siciliana (canale d’irrigazione)
n. 1 piccola nave in bottiglia
n. 1 filtro dell’aria d’automobile usato come porta biglietti
n. 1 mattonella di prato finto fiorito
n. 1 bicicletta assemblata da Spernicelli con ruote in legno
n. 1 piccola zucca ammuffita e disidratata da 3 anni
n. 1 cavalluccio marino del 2011
n. 1 pietra liscia lavica (cutulisciu) cm. 10×14
n. 1 treccia d’aglio imbalsamato mt. 1
n. 1 chitarra Carmelo Catania con una corda rotta
n. 7 carillon vari
n. 2 pecora nera di zucchero
n. 3 rosa di Jericho
n. 5 cappelli di pelliccia
n. 1 balena di stoffa mt. 2
n. 1 torchio da stampa ottocentesco
n. 1 cavalletto da pittore trovato nell’immondizia
n. 1 confezione di cicerchia siciliana gr. 250
n. 1 tempera matite a manovella anni ’80
n. 2 targa stradale con errore di stampa
n. 2 spade di pesce spada
n. 1 listino prezzi bar nuovo
n. 1 pianta di canna da zucchero viva e vegeta
n. 1 matassa di corda di canapa diametro cm. 2,5 (mt. 10)
n. 1 vecchia sega arrugginita cm. 70
n. 1 lavagna antica cm. 120×100
n. 1 sezione tronco di pino diametro 50 cm. spessore 12 cm.
n. 1 scheletro
n. 1 coppo da pesca
n. 1 cavalletta fatta con foglie di palma
n. 1 bastone per grattarsi la schiena
n. 5 rami di cotone
n. 1 dozzina rose secche vari colori
n. 1 piccolo estintore cm. 30
n. 1 melograno fresco
n. 1 bottiglia di Raki fatto in casa
n. 1 cartoncino “Vendesi”
n. 1 gabbia per uccelli sfondata
n. 3 cartelli vendita frutta di strada
n. 1 vaschetta cubetti ghiaccio lettere e numeri
n. 1 tight inizio secolo
n. 1 conca (braciere per scaldarsi le gambe sotto la gonna)
un astuccio di Dom Perignon vintage 2003, vuoto
un collo di una giara
uno specchietto retrovisore
un sacco di juta da caffè
un lampione stradale, ma senza il palo, solo la lampada
un volume dell’Odissea con la nuova traduzione
una levigatrice Black&Decker
un calendario di cinque anni fa, mai aperto
tre corde di chitarra
tre fiori di Pomelia palermitana (new entries)
una mazza da cricket
un triplo metro in legno in due parti avvitabili, ciascuno di un metro e mezzo
una sagoma per costruire una giraffa di cartone di due metri e mezzo
una piuma
un cilindro di vetro da laboratorio
un lavandino di pietra lavica
un foglio di carta vetrata nera marca Imperial
una piccola trappola per topi francesi, design minimale, marca Lucifer
un cuore di plastica spezzato
una coppia di posate da insalata inseparabili dagli anni ’60
cinque barattoli di aromi di chissà quando, nell’ordine: fiori di finocchio, calendula, dragoncello, citronella, capperi
tre sacchi di calce viva
25 kg. di intonaco pronto di cui sconosceva l’esistenza
4 metri di pie di poule
vinili originali di Karen Dalton (come se Billie Holiday avesse deciso di cantare il folk)
un tavolo da ping pong
uno specchio più lungo del suo barbiere
un leone spelacchiato di peluche
un cartello stradale dei lavori in corso
un salvagente rigido
calze colorate
una bottiglia di vino che ha già messo in frigo
un volumetto in doppia copia della prediletta Szymborska, quello che si intitola “Basta così”
una piccola kalimba acquistata a Pigalle
un mini riccio dell’Etna scolorito
un timbro vecchio col nome di qualcuno in corsivo
svariati stencil industriali
una confezione di scarabocchi come nuovi
una cartella clinica
un paio di baffi di legno
una lampada da campeggio
una zazzamita cadavere
500 gr. di sabbia dell’Etna extra fine
un maiale di pezza
sette cappelli fogge varie
un cerchietto di corna d’alce con i campanelli
un pennuto impagliato
un telegrafo
sei tasti d’ebano di pianoforte
una vertebra di tonno
un fascio di rafia
un’elica d’aereo in legno
un orologio da stazione
21 matite nere 2B con la gomma sull’estremità opposta alla punta
un paio di scarpe inglesi bicolore
una confezione di coriandoli rossi mai usati
un cilindro della prima metà del novecento
una radice capovolta e intatta di qualche pianta
24 palline da ping pong..